venerdì 24 agosto 2012

Nomad Dance Fest, Culture Nomadi dal Mondo


Danze del Mondo. Danze nomadi e orientali. Persiane. Afghane. Greche. Andaluse e Tribal, fino ai balli del sud Italia (Napoli e Salento).

di Luca Ferrari, ferrariluca@hotmail.it
giornalista/fotoreporter – web writer

Un lungo cammino iniziato 600 anni fa in India, dal deserto dei Thar. Un evento per riscoprire e far rivivere tradizioni e culture dei popoli nomadi, incluse le radici comuni delle danze folk. È il Nomad Fest (Milano, 27-28 ottobre), giunto alla II edizione.

“La ricchezza culturale si manifesta nell’unione delle varie forme di espressione artistica di ogni paese, ed è questo che vogliamo far conoscere” ha sottolineato l'organizzatrice dell’appuntamento, Maya Devi Mudra, danzatrice e insegnante di danze Nomadi e Indiane, Maestra di Yoga e pratiche spirituali, ricercatrice di culture orientali e nomadi, nonché fondatrice della scuola di danza e yoga Mudrarte di Milano, membro dell’International Dance Council Cid Unesco, e unica insegnante di Danze Gipsy del Rajasthan e Kalbeliya in Italia.

Tema centrale dell’edizione 2012 sarà la Gipsy Caravan: Nomadi moderni che viaggiano in modo antico attraverso le città e i deserti. Raccogliendo “pezzi” di culture dei popoli migranti, raccontano di storie e tradizioni di uomini e donne semplici che danzano la propria vita e la trasformano in Arte. Una due giorni di performance e stage di danze, laboratori di musica, lezioni di Make-up e hair styling naturale, con una nuova sezione dedicata al benessere incluso lo Yoga con  la preziosa di collaborazione dello  Yoga Festival che proporrà lezioni e incontri.

Ci saranno anche spazi dedicati allo shopping etico, e un altro ancora al benessere e alla bellezza grazie a un team  di operatori di massaggio ayurvedico e olistico, Aromaterapia, Esperte in tatuaggi all'Hennè e Mehndi, BIO hair stylist e make-up naturale. Saranno presenti infine un bookstore, alcune presentazioni letterarie ed eventi a cura dell’associazione Terre di Mezzo. Altra novità del 2012, nell’area dedicata alla Spagna, il Tablao Flamenco, realizzato in collaborazione con Puro Fuego di Arcobaleno Danza, che ospiterà performance di Flamenco, Sevillanas, Aperitivo con Sangria y  Tapas.

La cultura passa anche per il palato. Dal cilindro del Nomada Dance Fest, ecco la Teteria Etnica gestita da Mudra Natural Cafè, e Tekelt, l’associazione d’arti e culture Tuareg che avrà a disposizione un ampio spazio arredato come una tenda berbera con tavoli, sedie e tappeti originali; qui si potrà gustare il vero tea alla menta con il rituale tuareg, bevanda al Tamarindo, caffè e tisane, piatti della tradizione tuareg, araba e egiziana oltre a piatti di cucina naturale, succhi biologici e dolci etnici. Sarà presente anche un Indian street food Dhaba che servirà snack indiani e dolci golosi proprio come nella vera tradizione del Punjab.

A rappresentare la danza orientale ci saranno nomi di spicco del panorama internazionale, a cominciare da Raffaella Cipolato (danza orientale con Sciabola), quindi Maria Strova (il velo nella danza del ventre oriental-andaluso), Lucia Zahara (danze zigare turche) e Jamila Zaki di Zagharid (baladi, la vera danza delle donne egiziane).

Dopo stage e workshop, sarà il momento dei galà shows. Il sabato sera si comincia con Gipsy Routes, in occasione del quale artisti internazionali interpreteranno le tradizioni gitane in modo puro e in fusione con altre culture, il tutto con performance musicali dal vivo. Domenica sera invece, spazio al Live Musica e Open Stage dove tutti gli artisti si esibiranno dal vivo e le danzatrici danzeranno insieme coinvolgendo il pubblico come in una grande fiesta gitana, il gipsy party Viaje.

Tra i protagonisti internazionali, non si può non cominciare dall’israeliana Miriam Peretz (Danze della Via della Seta), quindi Gulabo Sapera, la più grande danzatrice di Kalbeliya al Mondo con sua figlia Rakhi Sapera e la band di musicia del Rajasthan, la danzatrice di “Gipsy Duende” Carolina Fonseca, che incanterà con il suo Transilvanian Balkan beat.

Ospite d’eccezione, la famosa bailaora di Flamenco, Raffaela Carrasco da Siviglia. Molte le band che interpreteranno dal vivo le sonorità della Gypsy Route, a cominciare dal gruppo indo-polacco Indialucia, con musiche e sonorità dall’India alla Spagna, al gruppo salentino-arabo-spagnolo Almoraima, con il loro sound Arabo-Andaluso. Spazio anche ai  francesi Troublamour e la loro musica tzigana, e dal Sahara, le musiche ritmate dei Tuareg.

Prima dell'evento di fine ottobre però, giusto per arrivare preparati, il Nomad Dance Fest in collaborazione con Maison Milano, preparerà due eventi dedicati alla danza ed alla bellezza indiana. Si comincia mercoledì 26 settembre con il Mahal Beauty Night: Massaggi e Assaggi , Bellezza e danze Indiane; mercoledì 10 ottobre invece, sarà la volta di Viaggio Nomade, con spettacolo di danze gipsy e cena a tema. Guardando ancora più in là, vivere questi appuntamenti insieme al Festival stesso, sarà la strada migliore per avvicinarsi al Nomad Dance Fest International Edition, che si terrà dal 24 al 31 marzo 2013 in India, nello stato del Rajasthan, facendo tappa presso le città di Jaipur, Jodhpur e Pushkar.

 Nomad Dance Fest © Giulia Francese
 Nomad Dance Fest © Giulia Francese

Nessun commento:

Posta un commento