mercoledì 19 dicembre 2012

When You Believe in Bellydance

la danzatrice Viviana Ammannato e una sua creazione
Dalla danza orientale alla poesia, passando per la musica di Mariah Carey e Whitney Houston. Storie di scambi umano-creativi.

di Luca Ferrari

Il primo passo. Qualche universo arrivato su di un fazzoletto dai colori remoti. Da qualche parte e altrove è lo stesso. Il repertorio primordiale incrocia il proprio soffio nell'affermazione dell'Umanità. Storie di cuori di donne che pulsano insieme. Anomala storia di una danzatrice col "vizio" dell'arte creativa sbarcata fin sopra le poesie di Belly Roads - parole di danza sentieri d'Oriente (2012, Granviale Editori).

Proprio come piacerebbe sempre vedere a chi scambierebbe un regalo per un dono, la creazione attinge a materiali veri. Incollando perline su di una poesia. All’ombra delle invisibilità interiori, ecco una suggestione che non ho intenzione di lasciar andare lontano. Come una stella introdotta in una terra ripetutamente colpita da fulmini, ora semplicemente irrompono i disegni della danzarice Viviana Ammanato.

Non so bene come funzioni il meccanismo dei miracoli, ma pensi che potrebbe essere inopportuno far sconfinare ogni giorno sull'infinità comune della proprie mani in costante dialogo movimentato? L'abbandono di troppe epoche senza la comprensione dell’udito più melodicamente narrato ha reso alcuni voli anticipatamente fenici. Le paure dominano ancora la base delle montagne? Comunque vada, noi siamo ancora qui a parlare di vocaboli meravigliosamente fragili. Da innocui cassetti di candele, il sole si è alzato prendendosi cura di tutta le nostre esperienze.

E anche se un sorriso fosse capace d’illuminare la nebbia (e qualcuno mi ha spiegato che ne ha la forza), non riesco ancora a tollerare la vista di altalene vuote. E anche se non posso svelare quello che mi porto a fianco del mantello, avanti morganatico maleficio, scommetto vorresti colpirmi. 

Non ho mai pensato esistessero parole per immaginare qualcosa che potesse far trasalire una speranza. Poi un giorno, c'era una volta... Qualcuno un giorno saprà che cosa significhi togliersi la benda delle proprie piogge e ripetere a voce sempre più alta che cosa non puoi proprio dimenticare dal momento che i bordi dei nostri occhi sono diventati la più contagiosa delle Avalon condivisibili.

..."Ci si può intestardire oppure esistere giorno dopo giorno, aggiungendo una perla al proprio dipinto sulla tela dei propri sentimenti"...Viviana. È come vi dicevo, è ancora e per sempre una magia...ciao!

When You Believe, by Mariah Carey feat. Whitney Houston

la magia della fantasia
la danzatrice Viviana Ammannato
le cerazioni artistiche di Viviana Ammannato e il libro di poesie Belly Roads

Nessun commento:

Posta un commento