martedì 2 aprile 2013

Elisa Martini, Smells Like Gipsy Spirit

la danzatrice veneziana Elisa Martini
I colori movimentano l'eco nascosto. Turbine gipsy plasmato nel tramonto mattutino. La danzatrice veneziana Elisa Martini musa di un nuovo poetico viaggio.

di Luca Ferrari

Non c'è stato il tempo di parlare. Non c'è stato il mo(n)do di guardare oltre. Le praterie hanno ridotto le distanze a pochi millimetri di volo. L'alba ha vagato incerta e sicura fino a trovare il proprio destino. La primavera ha preso coscienza delle maree senza mai distogliere lo sguardo da ogni punto cardinale. La danzatrice veneziana Elisa Martini si muove nelle tonalità di un nuovo spazio.

Smells Like Gipsy Spirit

da dove si salta
per superare le falle del vento?
...mi hanno appena raggiunto le ruote
e il fuoco è ancora qualcosa che collego
agli abissi... il movimento irrompe
come un sospiro della propria itinerante esibizione

in cima alle scogliere si può giocare
a nascondino senza rivali e divertirsi ugualmente
...
da basso nella prateria si può lasciare
qualche miglio tra ogni parola e le proprie risposte gitanti

da questa posizione rispetto all’intera didascalia
è possibile ascoltare le melodie dei fiori d’oriente

nel cerchio del proprio sentiero
piccoli sonagli concentrici
scelgono l’indipendenza della propria unione

è ancora rimasta
un'intera esistenza per pronunziare
queste esatte parole
e loro sono le certezze che irrompono
nelle vertigini abdicate
mentre il rosso della propria casa
s’innalza ad atto primordiale
nel planare liberi nella danza universale

la danzatrice v eneziana Elisa Martini

Nessun commento:

Posta un commento