mercoledì 30 aprile 2014

Kristine Adams in Venice, The True Story

Venezia, Kristine Adams e le colleghe danzatrici © Giulia Zambon
In giro per il mondo col progetto From the Belly of a Traveler, Kristine Adams ha danzato in piazza S. Marco, a Venezia, insieme a “sorelle italiane Fcbd”.

di Giulia Zambon,  
danzatrice Tribal

Un bel giorno vedo su Facebook la foto di una gondola in rio con scritto - It's romantic! -. Autrice di ciò, la danzatrice americana Kristine Adams. In un frenetico stato di sorpresa, mi chiedo: una sorella di FatChanceBellyDance® a Venezia? Allora le commento con un gioioso Welcome in Venice! e lei subito a chiedermi di ballare insieme in Piazza San Marco.

Lì per lì mi chiedo se per caso mi abbia scambiato per un'altra, invece no. Lei sa che io sono all'inizio del mio percorso ATS e non si è sbagliata né sta scherzando. Allora mi dico ok Giulia, è la tua volta. Le spiego che non sono l'unica in laguna a praticare Ats e le chiedo un giorno di tempo per organizzarmi. Nel giro di un'ora ho avvisato tutto il Veneto "tribaloso", incluse le praticanti del metodo Fcbd. Mi da appuntamento per sabato attorno 19 aprile alle h. 19 sotto la torre dell'Orologio in piazza S. Marco.

Mobilito tutte. Nessuna riesce a dormire. Nessuna ci crede. Lorena Piaia, la nostra insegnante, è incredula. Avviso Isabel De Lorenzo a Roma. Avviso tutte. Messe al corrente della notizia, la risposta più comune è anche quella più semplice: un sonoro e candido WOW!

Kristine allora mi spiega che il video che vuole realizzare è parte di un grande progetto From the Belly of a Traveler, già attivo da 2 anni. Lei filma se stessa mentre balla con tutte le danzatrici in qualsiasi parte del mondo. Dopo gli Stati Uniti, adesso tocca all'Europa. Il suo tour "solitario" si concluderà in agosto ed è in quel momento che monterà il tutto in video.

Al suo arrivo a Venezia siamo tutte agitate, impaurite. Io guardo i video Fcbd da otto anni e ormai facevo fatica a credere che esistessero davvero. Sarà severa? Avrà pazienza con noi? Sarà infastidita dal nostro livello? Mah. Chiuso il negozio, arrivo di corsa insieme a Lorena con il cuore in gola.

Vedo le mie compagne. Katia Zecchin, Paola Maya, Veruscka Gregnanin, Daniela Zamperetti, Tiffany Zabberoni, Lorena Piaia e Renata Griggio. Vedo la mia mamma. Vedo la mamma, la sorella e la nipote di Tiffany, ma Kristine? Con l'aprirsi questo gruppo di donne, eccola lì. Piccina. Minuta. Uno zainetto sulle spalle con dentro tutta la sua vita: jeans, scarpe da ginnastica e scaldamuscoli. Piccoli tatuaggi che sbucano sulle mani. Lobi dilatati con orecchini a bottone colorati e i suoi occhi. Vicino a lei mi sento una gigante. Mi stringe la mano. Ci guardiamo e con stupore scopro che è emozionata tanto quanto me.

Gli occhi di Kristine colpiscono. Hanno il sole dentro. Esprimono felicità, serenità e dolcezza infinita. Ha una voce bassa ma frizzante nel suo americano colorato. Mi sento davvero in imbarazzo ad esser così terribilmente alta vicino a lei. Fa delle prove luci col telefonino e ci spiega che balleremo muto. Senza musica. Quella sarà montata da lei nel video insieme alle registrazioni degli altri paesi. Ci posizioniamo, lei guida noi e balliamo insieme.

Stavamo ballando con Kristine così, con codici lenti ed era come danzare con una nostra amica solo molto più brava. La gente si ferma, guarda. Alcuni s'improvvisano vigili urbani fermando chi passa davanti al cellulare che ci riprende. La performance dura appena due minuti ma Kristine decide di rifarlo verso il molo, con la chiesa di San Giorgio alle spalle. Così la gente non ci passa davanti.

La luce è  giusta. I gondolieri si zittiscono. Tutti vengono a vedere. Soffia un po' di vento dalla laguna. I violini delle orchestre dei raffinati bar vicini sembrano suonare per noi. Non so le altre, ma a me per un attimo è sembrato di volare. Le nostre mamme ci guardano emozionate. Io non sto respirando e le mie compagne nemmeno. Abbiamo tutte la bocca chiusa come fossimo in apnea. Finito.

Kristine riguarda il video soddisfatta e commossa, con gli occhi lucidi ci ringrazia e io traduco per tutte che noi dobbiamo ringraziare lei per aver avverato un desiderio che nemmeno si osava desiderare. Pensare. Formulare. Kristine prende il suo zainetto dalla mia Mamma, mi chiede indicazioni per raggiungere un teatro e ringrazia mille volte.

Ci filma mentre la salutiamo. La rivedrò mai più? Le ho promesso che studierò abbastanza da attraversare l'oceano e dare l'esame a San Francisco. A 50 anni magari festeggerò così. Lei sorride, sorride sempre. Sorride dentro e lo trasmette con tutto se stessa. E così, con una scia di polverina magica fatata, Kristine se ne va a Barcellona. Altro video, altre ragazze.

Finalmente sono riuscita a mettere in pratica il VERO senso di questa danza: ovunque tu sia, qualunque sia la tua lingua, pur non essendoci mai viste prima, noi insieme possiamo danzare con la stessa intensità, trasporto e sicurezza che hanno due compagne di danza che provano i loro balli ogni settimana. La danza universale. Porterò per sempre dentro me questo ricordo, la pace e la dolcezza di Kristine. Il suo stile, la sua felicità.

Kristine Adams, una piccola donna che col suo zainetto attraversa il mondo. Dai ghiacciai ai deserti, dalle metropoli alle campagne. Sola. Ma ovunque vada, trova qualcuno che parla la sua lingua: la danza. Ringrazio Dio per avermi fatto premere il pulsante dei commenti, per avermi dato il coraggio di far parte di qualcosa di così grandioso.

Venezia - (da sx) Giulia Zambon, Lorena Piaia e Kristine Adams © Renata Griggio
Venezia, Kristine Adams e le colleghe danzatrici © Giulia Zambon
Venezia, Kristine Adams e le colleghe danzatrici © Giulia Zambon
Venezia, Kristine Adams e le colleghe danzatrici © Giulia Zambon

10 commenti:

  1. Fantastico e commovente , trasmette perfettamente lo stato d'animo generale . Brava Giulia , grazie !
    Lu

    RispondiElimina
  2. E non di meno è stata in grado di farlo vivere alla perfezione anche a chi non c'era. Mi associo, brava Giulia!

    RispondiElimina
  3. Che esperienza meravigliosa! Un flash mob magico in un posto magico! Grazie Kristine e a tutte le ATS sorels di Carovana Nord Est! Allaprox yeap!!!

    RispondiElimina
  4. Per quanto mi sarebbe piaciuto raccontarlo, devo dive che Giulia è stata davvero un'ottima reporter

    RispondiElimina
  5. "Mi manca solo di danzare con una FCBD, poi posso morire felice"! Questo avevo detto neanche una settimana prima di questa incredibile storia!!! Ma sono ancora qui a raccontare di questa danza universale, basata su un codice che ti permette di danzare con chiunque attorno al mondo la pratichi!!! E' una danza che ti cambia e che cambia la visione del mondo attorno a te e lo rende a portata di mano!! E fa si che una danzatrice errante di fama mondiale chieda a chiunque pratichi questo stile attorno al mondo di danzare con lei!!! Bello, bellissimo!!! Grazie a tutte le sorelle che c'erano in quella magica piazza, grazie a Kristine per aver reso tutto questo possibile!! Ora mi manca solo di andare a San Francisco e certificarmi in questo stile, poi potrò morire felice!!!!

    RispondiElimina
  6. bellissimo commento Lorena, la Vostra danza meriterebbe molta più attenzione nei media

    RispondiElimina
  7. Stiamo facendo il possibile per diffonderla!!! Grazie a te per averci prestato attenzione!!!!

    RispondiElimina
  8. "Belly Roads" è qui. Quando volete raccontare e condividere i Vostri eventi, siamo qua

    RispondiElimina
  9. E' incredibile come enormi sogni si possano realizzare quando meno te l'aspetti, ma del resto è questa la magia segreta della danza, l'unire persone diverse in un unico grande sogno diventato realtà. Grazie a tutte, grazie alla mia maestra Lorena e grazie a Luca, per la diffusione e condivisione di tanta magia.

    RispondiElimina
  10. "...è questa la magia segreta della danza, l'unire persone diverse in un unico grande sogno diventato realtà. Basta questa frase dell'autrice per far capire e tramandare al mondo quanto sia speciale quest'espressione artistica... continuate a danzare, fino alla fine dei tempi e anche oltre

    RispondiElimina